25 febbraio 2015

#01 TELEFILMADDICTED

Incazzata come bestia sono qui a riscrivere completamente da capo questo post poiché non so per quale strano motivo mi si è cancellato completamente tutto prima che io potessi salvarlo! Che son sfigata lo so bene, dovrei iniziare a smetterla di stupirmi e chiedermi inutilmente perché queste cose capitano sempre e solo a me. Comunque. Nel seguente post avevo deciso di parlare delle attività svolte dalla sottoscritta nell'ultima settimana ovvero assolutamente niente. Ebbene si, ho passata gli ultimi giorni barricata in casa causa influenza ed ho passato le mie mattine e i miei pomeriggi incollata al pc. Oltre a navigare spensieratamente su internet ritrovandomi a curiosare fra le cose più impensabili e guardare bellissimi tutorial su youtube di gente che spiega come organizzare e arredare/decorare la propria camera da letto, mi sono data alle puntate in streaming di vari telefilm. Un po' iniziati da zero, un po' ripresi dopo che sono uscite le nuove stagioni, mi sono sparata come minimo quattro ore di puntate a giornata. Non ci posso fare nulla, per me sono come le patatine, ne assaggi una e non la smetti di mangiarle fino a che non finiscono.
 
Ecco qui una mini lista di quelli che più mi sono piaciuti e che consiglio a chi si ritrova nulla facente come me in questi giorni. I miei preferiti sono sempre e solo le serie tv americane... Bhe dai, si sa, gli americani son bravi con ste robe! Vi copio spudoratamente la trama da Wikipedia, tanto per rendere l'idea e farvi capire di che si tratta. Sono 4 serie tv una differente dall'altra per quanto riguarda genere e tematiche, mi piace variare!
 
1) New Girl

Jess è un'eccentrica e spumeggiante ragazza che, alla soglia dei trent'anni, si trova a dover gestire e superare la rottura di una lunga relazione sentimentale. Bisognosa di un nuovo posto dove andare a vivere, trova una stanza in un loft già abitato da tre ragazzi: Nick, un barista, Schmidt, un moderno Casanova e Winston, un ex giocatore di basket che non ha sfondato. In breve tempo Jess scombussola l'intera esistenza dei tre ragazzi, i quali però, inaspettatamente, si affezionano subito a questa giovane donna ingenua e un po' imbranata; a completare questo improbabile gruppo c'è Cece, modella e migliore amica di Jess. Quella che all'inizio appare come una problematica e "disfunzionale" convivenza, finisce col diventare una grande amicizia, e in breve tutti e cinque gli amici si rendono conto di non poter fare a meno l'uno dell'altro. Venendo coinvolti nelle situazioni più diverse, Jess e i suoi amici finiscono così per aiutarsi sempre a vicenda, imparando ogni volta qualcosa sull'amore, la vita e su loro stessi.

Non c'è puntata in cui io non mi ritrovi a ridere come una matta. Adoro Jess. Per molti aspetti mi ci ritrovo spesso nel suo personaggio, una ragazza abbastanza strana ed euforica che ne combina di cotte e di crude! Mi fa piegare in due, lei e quegli altri tre, sono mitici ma anche molto stupidi ahahah! Questa serie l'ho scoperta su MTV e se non sbaglio la mandano in onda anche adesso ma non so che serie sia... Insomma la consiglio a tutti quelli che hanno voglia di farsi delle grasse risate.
 

2) Orange is the new Black

Piper Chapman è una donna proveniente dal Connecticut, residente a New York, che viene condannata a scontare quindici mesi al Litchfield, un carcere federale femminile gestito dal Dipartimento Federale di Correzione (una versione fittizia del Federal Bureau of Prisons), per aver trasportato una valigia piena di soldi di provenienza illecita per Alex Vause, una trafficante di droga internazionale e un tempo sua amante. Tale infrazione è accaduta dieci anni prima dell'ingresso della Chapman in carcere e negli anni intercorsi tra l'inizio del processo a suo carico e la condanna, la protagonista riesce a ricostruirsi un'agiata vita, rispettosa della legge, con il suo nuovo fidanzato Larry Bloom, nell'alta borghesia newyorchese. Dietro le sbarre, Piper rincontra Alex (che avrebbe fatto il nome della Chapman durante il suo processo, causando l'arresto dell'ex-fidanzata) alla quale nonostante un'iniziale astio si riavvicina. Oltre a loro, in carcere convivono tante altre donne, le cui storie vengono sovente raccontate tramite l'utilizzo di analessi.

Non avrei mai pensato potesse interessarmi un telefilm del genere, ma subito con le prime puntate mi sono intrippata e adesso voglio assolutamente sapere come va a finire. A volte un po' volgare... ma direi più che adatto al contesto!
 
3) Breaking Bad

Walter White è un professore di chimica di Albuquerque. Vive con la moglie Skyler, incinta della loro secondogenita, e il figlio Walter Junior, affetto da paresi cerebrale, un disturbo che gli causa problemi di linguaggio e lo costringe a servirsi di stampelle per muoversi. Alla soglia del compimento dei cinquant'anni, Walter è costretto a svolgere un secondo lavoro come dipendente di un autolavaggio, per far fronte alle difficoltà economiche previste dall'imminente nascita della figlia. A tutto questo si aggiunge il profondo senso di insoddisfazione di Walter, che deve sopportare le angherie del suo titolare, dei suoi amici e familiari, i quali lo vedono come un uomo debole e remissivo. In particolare suo cognato Hank, agente della DEA, con cui peraltro ha un buon rapporto, non perde occasione per mettere a confronto la sua vita avventurosa con quella di Walter, totalmente priva di soddisfazioni. Quando a Walter viene diagnosticato un cancro ai polmoni, i suoi problemi sembrano precipitare. Tuttavia, in seguito al casuale incontro con Jesse Pinkman, un suo ex-studente diventato uno spacciatore di poco conto, Walter decide di sfruttare le sue conoscenze chimiche per "cucinare" metanfetamina di elevata purezza, con i cui guadagni potrà assicurare un futuro alla famiglia anche dopo la sua dipartita.

Non c'è storia. Il più bello in assoluto, il più pazzo, il più intrigante, il più frenetico, il più sconvolgente, il più ingegnoso, il più sconvolgente, il più tutto. Credetemi sulla parola, non aggiungo altro altrimenti se comincio finisco domani mattina.


4) Skins
 
La storia ruota attorno alla vita di un gruppo di ragazzi, dai sedici ai diciotto anni, che vivono nella cittadina di Bristol, in Inghilterra. Ogni episodio tratta un personaggio in particolare tra i protagonisti, approfondendone le vicende; tuttavia sono molteplici le situazioni sviluppate lungo il corso della serie. Il titolo della serie fa riferimento al termine gergale inglese per indicare la carta leggera usata per preparare sigarette di qualsiasi tipo.
 
Questa è una delle poche serie non americane che mi è piaciuta. E poi quando succede che ti innamori di uno degli attori (anzi, non uno, ma ben 3) non puoi non vederti tutte le puntate... 

1 commento: